Gabbiano annuncia l’acquisizione del parafarmaco dal gruppo Angelini

andrea News IT

Borgo Virgilio, 1 Agosto 2016

Gabbiano rafforza la sua posizione sul mercato con l’acquisizione del parafarmaco a marchio FarmaMed del gruppo Angelini.


Gabbiano, impresa leader nel settore degli articoli no food destinati al mercato della grande distribuzione organizzata e specializzata, ha firmato il contratto di acquisizione del parafarmaco a marchio FarmaMed e i diritti di utilizzo del marchio Amuchina dal gruppo Angelini di Ancona.

L’accordo prevede l’acquisizione dei prodotti di parafarmaco FarmaMed (bende, garze, cerotti e molti altri prodotti di pronta medicazione) venduti principalmente nella Grande Distribuzione.
Il business vanta circa 10 milioni di euro di fatturato ed una quota di mercato di oltre il 40% realizzati in 6.800 punti vendita.

Grazie a questa acquisizione, Gabbiano persegue diversi obiettivi quali:

  1. la leadership nel mercato dei prodotti di parafarmacia con oltre il 40% di quota di mercato
  2. il rafforzamento sinergico tra i brand FarmaMed e FarmaSan
  3. il rilancio della categoria grazie ad ingenti investimenti pubblicitari
  4. l’applicazione del brand anche nel segmento occhiali da presbiopia dove Gabbiano è già leader con oltre il 55% di quota di mercato

Andrea Dodi, Direttore Generale di Gabbiano, dichiara:

“A volte le cose succedono quando meno te lo aspetti. Molte volte rincorri il traguardo e per pochi centimetri non riesci ad agguantarlo e a farlo tuo. Ora possiamo dire che il risultato è arrivato. Dopo due anni di trattative avviate ed interrotte siamo riusciti a concretizzare un qualcosa che spesso è stato ritenuto un vero e proprio sogno impossibile da raggiungere.

Abbiamo molte idee di rilancio di questa categoria e presto presenteremo al mercato nuovi prodotti e nuove soluzioni di consumo oltre a cospicui investimenti in comunicazione.”

Per migliorare le nostre competenze abbiamo acceso una collaborazione con l’Università di Bologna e acquisito alcuni brevetti che rivoluzioneranno l’uso di molti prodotti oggi ritenuti banali.

Dal punto di vista occupazionale non prevediamo mutamenti significativi dell’attuale organico, mentre dovremo lavorare per implementare l’organizzazione di vendita soprattutto in alcune aree dove l’impatto dei volumi sarà più significativo. D’altronde stiamo parlando di un incremento del 25% degli attuali volumi.

L’acquisizione risulta fondamentale per la crescita, per rafforzare la presenza dell’azienda all’interno dei punti vendita della grande distribuzione, oltre che per migliorare la capacità competitiva. L’obiettivo che ci siamo posti non è semplicemente di ottenere la leadership anche in questo segmento di mercato, ma vogliamo riprogettare la categoria proponendo nuovi prodotti che riescano a soddisfare nuovi consumi e nuove esigenze sfruttando ricerche e brevetti universitari.

A ciò si aggiungerà l’applicazione del brand FarmaMed alla categoria degli occhiali da presbiopia dove siamo già il punto di riferimento del mercato.

Non dobbiamo sottovalutare che oggi FarmaMed è distribuita in 6.800 punti di vendita, dei quali 2.400 non sono attualmente clienti Gabbiano e si andranno a sommare agli attuali 10.500.

Il momento che stiamo vivendo non è tra i più semplici ed il nostro settore non è certo immune da drastici mutamenti di consumo e da conseguenti fallimenti di aziende. Il nostro compito è lottare per creare giorno dopo giorno un futuro per la nostra società e per chi ci lavora.”